Elisa Isoardi: gita in famiglia in un luogo davvero pittoresco

Elisa Isoardi ha condiviso su Instagram la sua bellissima domenica in famiglia trascorsa tra risate, affetti e cibo in un luogo molto pittoresco.

La visita di Elisa Isoardi a Dogliani, un borgo unico e affascinante nelle Langhe, celebre per la sua storia, architettura e vinicultura. Immaginate di perdervi in un borgo dove ogni angolo racconta storie antiche, tra vigne che si estendono all'orizzonte e architetture che sfidano il tempo. Dogliani, con il suo fascino discreto e la ricca eredità culturale, ci accoglie nel cuore delle Langhe, terra di eccellenze enogastronomiche e paesaggi da cartolina. Ma cosa rende questo luogo così speciale da attirare persino celebrità come Elisa Isoardi?

Non lontano dal trambusto turistico di Alba, Dogliani si erge come un tesoro nascosto, pronto a svelare i suoi segreti a chi sa cercarli. L'atmosfera di questo borgo si distingue per una serenità che solo le gemme poco conosciute possono offrire, lontano dalle rotte più battute del turismo di massa. Qui, tra le colline dell'Alta Langa, il tempo sembra rallentare, permettendoci di riscoprire il piacere della scoperta. La storia di Dogliani si intreccia indissolubilmente con quella del vino e dell'architettura. Dal suo passato romano, testimoniato dal nome che richiama il dolium, antico recipiente per il vino, fino alla rivoluzione architettonica dell'800 ad opera di Giovan Battista Schellino, ogni epoca ha lasciato un'impronta indelebile. Ma oltre alle pietre e ai paesaggi, è il vino a dominare la scena, rendendo Dogliani una meta imperdibile per gli appassionati.

Elisa Isoardi: la gita a Dogliani, il borgo imperdibile

Dagli antichi romani ai giorni nostri, Dogliani ha attraversato secoli di storia, cambiando volto ma mantenendo intatto il suo spirito. Il borgo, con le sue mura e fortificazioni medievali, ci racconta di lotte e dominazioni, di autonomia e influenze esterne, con un patrimonio architettonico che spazia dal neoclassico al neogotico, frutto della creatività di Schellino. Un vero e proprio palcoscenico a cielo aperto che attende di essere esplorato. Nel cuore di Dogliani, l'eredità di Luigi Einaudi, secondo presidente della Repubblica Italiana e appassionato viticoltore, continua a vivere. Le sue vigne, ancora oggi coltivate con dedizione, rappresentano un ponte tra passato e futuro, tra tradizione e innovazione.

Einaudi, con la sua visione, ha contribuito non solo alla storia politica del nostro paese ma anche a quella enologica, lasciando un segno indelebile in questo borgo. Ma Dogliani non è solo vino; è anche arte, cultura e natura. Le sue colline, i boschi e i vigneti sono il palcoscenico di una bellezza che attende di essere scoperta e apprezzata. In conclusione, Dogliani ci invita a rallentare, a immergerci nella bellezza delle piccole cose, a riscoprire il valore del tempo e della storia. La visita di Elisa Isoardi non è che l'ultimo capitolo di una lunga storia fatta di passione, cultura e bellezza.

LEGGI ANCHE >>>Benedetta Rossi: il suo strudel salato è davvero delizioso, un'idea innovativa